La storia

NASCE LA COPPA COBRAM DEL GARDA

La Coppa Cobram del Garda nasce a Desenzano del Garda, in via Castello nr. 25, nella bottega del Biciclettaio Matto (oggi in Viale Motta 155), al secolo Mauro Bresciani.

Sono i primi mesi del 2014 e Mauro ha da poco aperto la sua bottega dove restaura e realizza biciclette uniche. Serviva un'idea per promuoversi, per far conoscere al mondo le sue creazioni... un idea soprattutto divertente. 

I libri di Fantozzi, Mauro, li ha letti e riletti tutti... i suoi film, non ricorda più quante volte li ha visti. La passione per le biciclette lascia affiorare nella sua mente (probabilmente anche un po' malata) una malsana idea: perché non rievocare a Desenzano la Coppa Cobram di Fantozzi?

La prima edizione della famigerata ma tragica gara ciclistica, nel settembre del 2014, nasce proprio come omaggio al grande Paolo Villaggio. Chi di voi non lo ricorda nelle vesti dello sfortunato ragionier Fantozzi? Per una certa fascia generazionale, egli incarna “la meglio comicità italiana”, fatta di situazioni tragi-comiche ed equivoci che hanno reso Fantozzi uno dei personaggi più amati del piccolo e grande schermo. Ed è dalla visione del film Fantozzi contro tutti che il Biciclettaio Matto e soci hanno pensato di organizzare sul Lago di Garda la “temuta gara ciclistica” con tanto di abbigliamento a tema e biciclette storiche.

L’episodio dedicato alla Coppa Cobram inizia con la morte del direttore della Megaditta, sostituito dal cattivissimo Dottor Ing. Gran Mascalzon di Gran Croc. Visconte Cobram, fanatico di ciclismo. Il Visconte Cobram obbliga infatti tutti i dipendenti a durissimi allenamenti in bici in vista della gara che porterà addirittura il suo nome. Nonostante le cadute, le difficoltà estreme e l’arrampicata sulla Cima del Diavolo, Fantozzi riesce a tagliare il traguardo. Certo, è anche grazie alla Bomba che il ragioniere pedala in solitudine all’arrivo… epica la scena della partenza in cui Fantozzi acquista la sostanza dopante - metredina, simpamina, aspirina, franceschina, cocaina e peperoncino di cayenne (ndr).

Nessuno di questi dettagli è stato trascurato nelle varie edizioni della Coppa Cobram del Garda: la maggior parte dei partecipanti infatti si presenta solitamente in abiti fedelissimi agli originali, scimmiottando alla perfezione il personaggio scelto. C'è sempre poi qualche voce fuori dal coro, non strettamente fantozziana quindi, ma che comunque porta la stessa allegria degli altri. Tutto perfettamente orchestrato insomma per ricreare al meglio la “tragica gara”. 

Fino al 2017 Biciclettaio Matto organizza la manifestazione con il supporto comunicativo dell'agenzia Shots.it ma la grande svolta arriva nel 2018: sia a livello numerico che mediatico, la Coppa Cobram del Garda esplode letteralmente. Grazie all'organizzazione (esclusiva e ufficiale) dell'Associazione Pedali Lei unita al supporto operativo e comunicativo dell'agenzia Shots.it, la gara raggiunge numeri record di presenze, di pubblico e di media. Dal 2019 l'organizzazione torna nelle mani di Biciclettaio Matto con il conseguente abbandono dell'associazione Pedali Lei a cui subentra Recyclage Cafè.


Organizzatore Biciclettaio Matto
Partner organizzativo Recyclage cafe
Valli S.p.A.
Biciclettaio Matto
Autotecnica Lonato
Giancarlo Abbigliamento
Lesa Srl